Come funzionano i contributi a fondo perduto per PMI e Partite IVA?

Requisiti, calcolo del contributo a fondo perduto per PMI e Partite IVA e domanda all’Agenzia delle Entrate.

La somma del contributo dipende dal fatturato, il decreto stabilisce con precisione come si calcola. Per alcune tipologie di soggetti, ad esempio coloro che hanno iniziato l’attività a partire dal primo gennaio 2019, il contributo spetta indipendentemente dalla riduzione di fatturato.

Chi sono i Beneficiari?

Soggetti esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo, titolari di partita IVA, comprese le imprese esercenti attività agricola o commerciale, anche se svolte in forma di impresa cooperativa, con fatturato nell’ultimo periodo d’imposta inferiore a 5 milioni di euro.

Hanno quindi diritto al contributo a fondo perduto le imprese / Partite IVA che nel 2019 hanno avuto ricavi o compensi fino a 5 milioni di euro. Il requisito fondamentale è la riduzione degli incassi di aprile 2020 superiore ad un terzo.

Entità Importo sovvenzione?

Il contributo a fondo perduto non concorre alla formazione del reddito o della base imponibile, quindi è esentasse. Per conoscere la somma a cui si ha diritto bisogna prima di tutto calcolare la differenza di fatturato aprile 2020/aprile 2019. A questa cifra si applica poi una percentuale, che varia nel seguente modo:

  • 20% per chi nell’intero 2019 ha registrato ricavi o compensi fino a 400mila euro;
  • 15% per imprese e partite IVA con incassi 2019 fra 400mila e 1 milione di euro;
  • 10% per chi ha fatturato l’anno scorso fra 1 e 5 milioni di euro.

N.B. Il contributo non può essere inferiore ai 1000 euro per le persone fisiche e ai 2000 euro per le imprese.

Alcuni esempi:

Impresa con differenza di fatturato pari a 50mila euro.

  • Fatturato 2019 900mila euro: contributo a fondo perduto pari al 15% di 50mila euro, quindi a 7mila 500 euro.
  • Fatturato 2019 2 milioni di euro: sovvenzione di 5mila euro.
  • Fatturato 2019 300mila euro: contributo di 10mila euro.

Come fare la Domanda?

La domanda si presenta all’Agenzia delle Entrate. Le modalità saranno indicate da apposito provvedimento della stessa Agenzia. Il Fisco verserà la somma direttamente sul conto corrente bancario o postale del beneficiario, basandosi sui dati presenti nella domanda.

Fonte: www.mef.gov.it/focus/Decreto-rilancio-le-misure-per-rimettere-in-moto-il-Paese/

NON HAI NESSUNO CHE RISPONDA AL TUO TELEFONO?

Scegli Segretaria.me che risponde al posto tuo.Ti dedichiamo un team di segretarie che si prende cura dei tuoi clienti, 7 giorni a settimana, dalle 9 alle 19. L’assistente gestisce le tue chiamate in entrata e in uscita, ti fissa gli appuntamenti e organizza l’agenda, il calendario e la rubrica.

Bonus 25 Euro Segretaria.me

Related posts